Roma. I grillini chiedono alla Raggi la testa di Salvatore Romeo, Renato Marra e Daniele Frongia

La spaccatura è enorme nel M5S. La strada più ortodossa sarebbe quella delle dimissioni del sindaco. I duri e puri non attendono altro che un passo indietro di Virginia Raggi. Poi vi sono coloro che si schierano con la sindaca e sono pronti a rimanere in Campidoglio e andare alla conta. E chi invece propone una mediazione: via il “raggio magico“.

I nomi che dovrebbero saltare

La richiesta è di fare a meno di: Salvatore Romeo, Renato Marra e del vice sindaco Daniele Frongia. L’elemento più “scomodo” per gli ortodossi è il fratello di Raffaele Marra, che si trova a capo della direzione turismo.

La Raggi vuole andare avanti senza Grillo

La soluzioni più “onorevole” sarebbe la via delle dimissioni. Ma Virginia Raggi non ci sta e ha indetto un’ennesima riunione di maggioranza in Campidoglio per andare alla conta. Un po’ come ha fatto Pizzarotti a Parma con la differenza che lì la rottura è stata di natura ideologica, qui sono in ballo solo delle poltrone.

Proseguire senza il simbolo sfidando Beppe Grillo. Dopo l’arresto di Raffaele Marra, il “fiduciario” della Raggi, la conta sarebbe qualcosa in più di un fratricido. Le opposizioni non aspettano altro.

Dimissioni di massa e voto in primavera

Dimissioni di massa insieme ai grillini ortodossi e urne aperte. I romani hanno dato fiducia ad Alemanno (centrodestra) e sono rimasti scottati. Hanno eletto Marino (centrosinistra) che è stato “pugnalato” dal Pd. Hanno pensato di svoltare con i grillini scegliendo la Raggi e si sono ritrovati con gli stessi problemi e gli stessi uomini. Quale destino per Roma? Elezioni in primavera…

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma. I grillini chiedono alla Raggi la testa di Salvatore Romeo, Renato Marra e Daniele Frongia Roma. I grillini chiedono alla Raggi la testa di Salvatore Romeo, Renato Marra e Daniele Frongia ultima modifica: 2016-12-17T12:33:15+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento