Renzi vuole primarie di coalizione il 5 marzo e voto a giugno

Mentre Matteo Renzi prova a dettare i tempi di un Governo Gentiloni nato già morto, l’ex Premier pensa già a nuove elezioni. Primarie di coalizione il 5 marzo e voto a giugno. Se emergesse un sistema proporzionale, la scissione del Pd si concretizzerebbe in un attimo.

Dialogo a sinistra

L’area dem che fa capo a Bersani ha in programma un incontro promosso da Roberto Speranza per un Pd non renziano. I bersaniani vorrebbero evitare la scissione e piuttosto impostare un dialogo a sinistra.

Si scioglie Sel

Sel si scioglie in modo ufficiale verso la fase congressuale di fondazione del “nuovo partito della sinistra” già a febbraio. In campo a sinistra anche Giuliano Pisapia, promotore per lunedì di un’iniziativa a Bologna.

9 su 10 da parte di 34 recensori Renzi vuole primarie di coalizione il 5 marzo e voto a giugno Renzi vuole primarie di coalizione il 5 marzo e voto a giugno ultima modifica: 2016-12-16T23:30:19+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento