Cremona choc. Ai domiciliari dipendente provinciale: violenze sessuali su ragazzini stranieri

Arrestato e posto ai domiciliari un dipendente della Provincia di Cremona, legale rappresentante di una società impegnata ad assistere giovani bisognosi. Per l’accusa l’uomo avrebbe più volte costretto i minori a subire atti sessuali. Avrebbe solleticato e accarezzato le parti intime arrivando in alcuni casi a masturbarli.

Violenza sessuale aggravata

Il dipendente pubblico deve rispondere di violenza sessuale aggravata nei confronti di ragazzini minorenni soprattutto stranieri.

Gli abusi sarebbero stati consumati nell’abitazione dell’uomo ma anche negli spogliatoi e negli uffici di una società di calcio per ragazzi di cui era il presidente. E’ agli arresti domiciliari e deve osservare il divieto di comunicare o avvicinare minori.

Lascia un commento