Marco Bocci cattura il pubblico da “Solo” infiltrandosi a Gioia Tauro

Un mix vincente: azione, mafia, Marco Bocci. Se fino ad oggi i riflettori erano stati puntati soprattutto su Cosa Nostra e Camorra, Canale 5 ha proposto uno spaccato “crudo” della ‘ndrangheta, una delle più potenti consorterie criminali al mondo.

marco-bocci-solo

Lo ha fatto con “Solo” che conferma il carisma di Marco Bocci che ha portato in dote 3.644.000 telespettatori e il 16.05% di share con picchi di oltre 4.700.000 spettatori totali.

I ritmi sono molto bassi rispetto a “Squadra Antimafia“. L’azione non è intensa come la fiction ambientata a Catania. Ma l’attore umbro “regge” da solo la storia.

Riflettori su Gioia Tauro

Mediaset presenta un racconto realistico della Piana di Gioia Tauro, una visione della realtà non troppo generosa con i gioiesi. La mafia c’è ma il comprensorio reggino non è solo questo. Anzi tutt’altro. Si vedrà nel corso della serie se l’aspetto del riscatto sociale troverà spazio per rendere uno spaccato reale di cosa è veramente il Sud.

A parte Marco Bocci gli altri attori sembrano comparse sbiadite. Vedremo di meglio nel corso della mini serie?

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin