Stabio, donna di 35 anni uccisa e abbandonata nei boschi di Rodero

Si indaga a 360°: non si esclude un malore, un suicidio, un investimento da parte di un’auto pirata, un’overdose o un omicidio. Questa ultima ipotesi è la più credibile ed è supportata dalla falange di un dito semi amputata; l’assenza di una giacca a vento o di un piumino che la riparasse; l’erba schiacciata come se qualcosa vi fosse rotolato sopra; la mancanza di documenti d’identità.

Giallo nei boschi di Rodero

Il mistero è fitto. Intanto un dato è certo. La vittima, trovata in un bosco nei pressi della strada provinciale che porta al Gaggiolo, è una svizzera di 35 anni residente a Stabio  assente da alcuni giorni dal suo domicilio.

Proseguono intanto le indagini

Il cadavere è stato notato da un escursionista. La donna aveva una ferita alla falange del dito e una ferita superficiale alla testa, forse provocata da una caduta. Al momento gli investigatori ritengono aperte tutte le ipotesi. La donna viveva nel Canton Ticino.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin