In Italia arriva il social lending con PRESTIAMOCI che mette in contatto chi vuole investire denaro e chi chiede un prestito

PRESTIAMOCI porta nel nostro Paese una nuova formula per conciliare le esigenze di chi vuole investire del denaro e chi invece vuole ottenere un prestito. Tutto attraverso una piattaforma di peer to peer lending (in italiano letteralmente prestito tra privati), autorizzata e vigilata da Banca d’Italia. PRESTIAMOCI mette in contatto chi vuole investire del denaro con chi richiede un prestito.

Addentriamoci nel funzionamento della piattaforma che si basa sul social lending, detto anche P2P lending. Partiamo da chi richiede un prestito ovvero il Richiedente. Se il soggetto Richiedente possiede i requisiti di merito creditizio definiti dalla piattaforma, PRESTIAMOCI inserisce il prestito nel proprio marketplace.

Qui entra in “azione” il Prestatore, colui che mette a disposizione un capitale che viene suddiviso in quote di 50 euro. Con le quote i Prestatori diversificano il proprio portafoglio riducendo il rischio ed ottimizzando il rendimento.

Si possono selezionare manualmente i singoli Prestiti in attesa di finanziamento già presenti nel marketplace. In alternativa il Prestatore potrà stabilire un rendimento atteso, lasciando alla piattaforma il compito di comporre in automatico il proprio portafoglio.

PRESTIAMOCI attraverso bonifico, invierà rapidamente il denaro del prestito direttamente sul conto corrente del Richiedente.

Ogni mese il Richiedente verserà la propria rata tramite addebito diretto SEPA. Tutto in modo automatico. Con PRESTIAMOCI tutte le rate sono uguali, compresa la prima.

Il Prestatore riceverà ogni mese il rimborso delle singole quote investite nei vari finanziamenti, comprensive degli interessi maturati.

Attivando, eventualmente, la modalità di investimento automatico, potrà reinvestire la cassa disponibile, ottimizzando il proprio investimento ed ottenendo maggiori guadagni.

Entriamo più nel dettaglio. PRESTIAMOCI finanzia importi compresi fra 1.500 euro e 25.000 euro, con durate medie fra 12 e 72 mesi. Per stabilire chi finanziare elabora le informazioni fornite del Richiedente quando completa la domanda online e interroga basi dati di informazioni creditizie nazionali einternazionali come i Credit Bureau: EXPERIAN e CRIF.

Con questi strumenti PRESTIAMOCI determina il profilo di rischio (di insolvenza) di ogni richiedente. Sulla base del risultato, lo inserisce in una “Classe di merito creditizio” che va da “A- Eccellente” a “G – Sufficiente”. A seconda della classe di appartenenza, offre alla persona il SUO tasso di interesse così definito in base alla tabella che segue:

A – Eccellente TAN fisso 3.90%

B – Molto Alto TAN fisso 4.99%

C – Alto TAN fisso 6.77%

D – Buono TAN fisso 8,86%

E- Medio TAN fisso 10.86%

F – Adeguato TAN fisso 12.52%

G – Sufficiente TAN fisso 14.01%

Così il Richiedente, non pagherà più di quanto dovuto al proprio profilo di rischio. Il soggetto Richiedente otterrà un vero prestito su misura.

La valutazione del merito creditizio offre tassi d’interesse su misura. Ecco le variabili che vengono prese in considerazione:

– Entità e stabilità dei flussi di reddito disponibili;

– Livello di indebitamento;

– Comportamento nel pagamento di finanziamenti precedenti

– Altri elementi socio-demografici (quali per esempio l’età, la professione, la residenza, etc.)

– Il profilo comportamentale

PRESTIAMOCI non avanza ai Richiedenti, neanche in forma facoltativa, proposte di assicurazione del credito che ritiene di scarsa utilità ed eccessivamente costose.

Viene consigliato, per avere dei termini di paragone corretti, di confrontare il risultato del simulatore con la quotazione di altre offerte inclusive dei costi di assicurazioni più o meno facoltative.

Lo scopo di Prestiamoci.it è selezionare i più meritevoli laddove si intendono i Richiedenti che onoreranno il proprio debito, per offrirgli i tassi migliori. L’obiettivo è ridurre al minimo il rischio di esporre la comunità a frodi o insolvenze.

I richiedenti possono comprendere e studiare il processo, prima di inserire la domanda, attraverso il Simulatore in cui il richiedente:

1. Seleziona la Classe di merito creditizio a cui ritiene di appartenere

2. Sceglie l’importo e la durata

3. Ottiene una simulazione del suo prestito con rata mensile, il TAN e il TAEG

Una volta richiesto il prestito, PRESTIAMOCI verificherà la classe di merito che potrà essere diversa (migliore o peggiore) da quella inserita dal Richiedente nella sua autovalutazione.

I punti fondamentali sono: reddito stabile e superiore alla rata accordata, un basso livello di indebitamento e una solidastoria creditizia nei rimborsi.

Non resta che visitare la piattaforma e comprenderne le opportunità.




9 su 10 da parte di 34 recensori In Italia arriva il social lending con PRESTIAMOCI che mette in contatto chi vuole investire denaro e chi chiede un prestito In Italia arriva il social lending con PRESTIAMOCI che mette in contatto chi vuole investire denaro e chi chiede un prestito ultima modifica: 2016-04-29T18:22:32+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento