Vittoria a metà per Renzi, è riforma costituzionale ma ci vorrà il referendum confermativo

Le opposizioni non hanno partecipato al voto. E l’approvazione della Riforma ha così visto i sì definitivo della Camera con il voto solo della maggioranza. Per il Ddl di riforma Costituzionale i voti a favore sono stati 361, 7 i contrari.

Prima della definitiva entrata in vigore ci sarà un referendum confermativo. E già si annuncia il forte dissenso della minoranza interna al partito di Matteo Renzi. “Trasformare un confronto sul merito in un plebiscito su una politica, una leadership o una nuova maggioranza di governo troverà l’opposizione ferma di chi, come noi, si è fatto carico del bisogno di completare una transizione aperta da troppo tempo”. Così in una nota Roberto Speranza, Gianni Cuperlo e Sergio Lo Giudice a capo delle tre aree della minoranza Pd.

“Sarebbe imperdonabile piegare la Costituzione al vantaggio contingente di una stagione. Su questo principio fonderemo le nostre scelte” sul referendum costituzionale.

Lascia un commento