Bolzano, il 26 febbraio convegno sul Fondo investimenti UE per grandi progetti

Le potenzialità del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (FEIS) e le modalità di un suo utilizzo in Alto Adige saranno illustrate dal direttore dei FEIS Wilhelm Molterer venerdì 26 febbraio in un convegno organizzato a Bolzano dalla Provincia.

Il Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (FEIS) costituisce uno dei filoni principali del cosiddetto Piano Juncker, con l’obiettivo di mobilitare potenzialmente non meno di 315 miliardi di euro di investimenti aggiuntivi su base triennale per rilanciare la crescita e l’occupazione in Europa. Il FEIS concentrerà gli investimenti nelle infrastrutture, in particolare nella banda larga e nelle reti energetiche, nelle infrastrutture dei trasporti, nell’istruzione, nella ricerca e nell’innovazione, nelle energie rinnovabili, nelle PMI e nelle imprese a media capitalizzazione.

Come potrà beneficiare l’Alto Adige di questo nuovo filone nel piano degli investimenti europei? Alla domanda cerca di rispondere il convegno sul FEIS promosso a Bolzano

venerdì 26 febbraio

alle ore 10

nel Cortile interno della Provincia

a Palazzo Widmann, in piazza Magnago

con la partecipazione di Wilhelm Molterer, Direttore esecutivo del FEIS, già vicecancelliere austriaco e vicepresidente della BEI, la Banca europea di investimenti. Tra i relatori figurano anche Alessandro Gargani del Fondo europeo per gli investimenti e Antonella Baldino della Cassa Depositi e Presititi, che approfondiranno le modalità di implenmentazione in Italia. Ad aprire i lavori sarà il presidente della Provincia Arno Kompatscher, mentre le conclusioni sono affidate all’europarlamentare Herbert Dorfmann. Il convegno non è pubblico.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bolzano, il 26 febbraio convegno sul Fondo investimenti UE per grandi progetti Bolzano, il 26 febbraio convegno sul Fondo investimenti UE per grandi progetti ultima modifica: 2016-02-23T02:26:40+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento