Montalbano Jonico, “Basilicata zero rifiuti? Discutiamone”

Si terrà venerdì 5 febbraio 2016 alle 17,30 nella Sala Consiliare del Comune di Montalbano Jonico (MT) in Corso Carlo Alberto l’incontro “Basilicata zero rifiuti? Discutiamone – Come uscire dalla logica delle discariche e degli inceneritori” promosso dai Circoli di Legambiente di Montalbano Jonico, Pisticci e Policoro.

“Nel documento di programmazione 2015 – si legge in un comunicato stampa di Legambiente – la Regione Basilicata ha aderito a “zero rifiuti”, un approccio alla gestione dei rifiuti che mira alla riduzione della loro produzione, alla raccolta differenziata spinta e al riciclo, alla minimizzazione degli scarti destinati a discarica ed agli inceneritori. Il risultato, all’inizio del 2016, è un piano di gestione regionale (per il quale è stata investita la cifra spropositata di 800.000 euro) che ancora non c’è, uno stato di “emergenza cronica” per la mancanza di impianti per il recupero e la valorizzazione da raccolta differenziata, la presenza di discariche stracolme, l’assurdo avvio all’inceneritore della Fenice di rifiuti urbani tal quali e la presenza di immondizia abbandonata accanto a cassonetti stracolmi in molti paesi.

Eppure i margini di manovra per rispettare la legge ci sono e si può attivare un circolo virtuoso che non punti tutto sullo smaltimento finale e inizi a ragionare sulla convenienza – ambientale ma anche economica – di trattare i nostri scarti non come “rifiuti” ma per quello che sono: “materie prime seconde” che hanno ancora valore.

Di questi argomenti la Legambiente discuterà con cittadini e amministrazioni locali, riflettendo sui dati e facendo proposte concrete per una gestione integrata dei rifiuti che superi, finalmente, lo stato emergenziale”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Montalbano Jonico, “Basilicata zero rifiuti? Discutiamone” Montalbano Jonico, “Basilicata zero rifiuti? Discutiamone” ultima modifica: 2016-02-04T01:37:43+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento