Lecce, confiscati 14 milioni riconducibili ad Agostino Marzo

Confiscato definitivamente le attività commerciali, i beni immobili e le disponibilità bancarie riconducibili ad Agostino Marzo, autodemolitore di San Donato di Lecce con precedenti per detenzione illegale di armi e munizioni, furto, ricettazione e violazione delle norme in materia di tutela ambientale. Il provvedimento è stato eseguito dalla Dia di Lecce.

La Procura salentina ha accertato un’evidente sproporzione tra gli esigui redditi dichiarati e l’ingente patrimonio, stimato in 14 milioni di euro.

Lascia un commento