‘Ndrangheta, confiscati beni per 214 milioni a due noti imprenditori reggini

La maxi confisca è stato operato dalla Guardia di Finanza e dalla Dia di Reggio Calabria. Confiscati beni per un valore di oltre 214 milioni di euro, riconducibili a due noti imprenditori reggini ritenuti vicini alla ‘ndrangheta e più precisamente alle cosche Tegano e Condello di Reggio, Alvaro di Sinopoli, Barbaro di Platì e Libri di Cannavò.

Confiscati in Calabria e Lombardia 220 beni immobili, tra appartamenti, ville e terreni, 9 società e 22 rapporti finanziari. Prevista per i due imprenditori la sorveglianza speciale come misura di prevenzione.

9 su 10 da parte di 34 recensori ‘Ndrangheta, confiscati beni per 214 milioni a due noti imprenditori reggini ‘Ndrangheta, confiscati beni per 214 milioni a due noti imprenditori reggini ultima modifica: 2015-11-06T08:17:53+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento