No ai viaggi nella penisola del Sinai

E’ quanto ha disposto l’ambasciata Usa al Cairo chiedendo al proprio personale di non recarsi nella zona fino alla fine dell’inchiesta sull’aereo russo precipitato sabato con 224 persone a bordo.

E’ giallo sulla causa della sciagura. Il velivolo si è spaccato in volo. Mosca non esclude la pista terroristica. Per la compagnia siberiana, a cui apparteneva l’aereo, solo “un fattore esterno” può aver provocato il disastro. “Un A-321 non può spaccarsi in aria per un malfunzionamento tecnico”.

9 su 10 da parte di 34 recensori No ai viaggi nella penisola del Sinai No ai viaggi nella penisola del Sinai ultima modifica: 2015-11-03T02:38:20+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento