Roma, romano di 60 anni ha provato a gettarsi dall’ottavo piano di uno stabile a Casal Bruciato

Tentativo di suicidio sulla Tiburtina. Due agenti della Polizia sono riusciti ad afferrarlo per le braccia prima che saltasse nel vuoto, salvandogli la vita. È accaduto in un palazzo di via Facchinetti. Un romano di 60 anni è salito sulla terrazza condominiale e ha iniziato a sporgersi nel vuoto. I passanti impressionati hanno chiamato la Polizia. Sul posto sono accorse le volanti del commissariato San Basilio e di Sant’Ippolito.

L’aspirante suicida era sul cornicione. I poliziotti hanno iniziato a parlargli nella speranza di distrarlo. Il sessantenne è stato afferrato quando si stava lanciando nel vuoto. L’uomo è stato portato all’ospedale Sandro Pertini.

Alla base del gesto un brutto litigio con i figli e anche l’assunzione di troppo alcool. L’aspirante suicida, dal letto dell’ospedale, ha ringraziato gli agenti che l’hanno salvato.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, romano di 60 anni ha provato a gettarsi dall’ottavo piano di uno stabile a Casal Bruciato Roma, romano di 60 anni ha provato a gettarsi dall’ottavo piano di uno stabile a Casal Bruciato ultima modifica: 2015-11-01T02:57:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento