Alta tensione Libia – Italia, devastato il cimitero cattolico italiano di Tripoli Hammangi

A darne notizia l’Associazione Italiana Rimpatriati dalla Libia (Airl). Sembrerebbe una risposta alla crescente tensione tra Roma e il governo libico di Tobruk che condanna “con fermezza” la violazione delle proprie acque territoriali “dopo l’ingresso ieri di tre navi da guerra italiane nei pressi delle coste di Bengasi, a Daryana”, circa 55 km a est della città.

“La notizia diffusa stamane da fonti libiche circa la presenza ieri di tre navi italiane nelle acque territoriali libiche è falsa”. Lo afferma una nota del ministero della Difesa replicando al governo di Tobruk. “Tutte le navi militari italiane presenti nel Mediterraneo operano in acque internazionali rispettando i limiti stabiliti dai trattati”, conclude la Difesa.

Il governo libico “non esiterà a ricorrere a tutti i mezzi che gli consentano di proteggere le sue frontiere e la sua sovranità territoriale”. Tobruk invita l’Italia “ha rispettare i trattati firmati tra i due Paesi” e bolla “l’ingresso delle navi italiane come un atto contrario a tutti gli accordi internazionali ratificati dall’Onu”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Alta tensione Libia – Italia, devastato il cimitero cattolico italiano di Tripoli Hammangi Alta tensione Libia – Italia, devastato il cimitero cattolico italiano di Tripoli Hammangi ultima modifica: 2015-11-01T17:05:38+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento