Il viaggio è un sogno di un altrove che ti riporta a casa

occhi-4

Il viaggio è un sogno di un altrove che riporta a casa
Di Vincenzo Calafiore
25 ottobre 2015- Udine
In cammino chissà da quanto tempo dentro un ignoto di molteplici prospettive tra loro distanti; un viaggio di esperienze, di genti e di luoghi diversi.
Storie di convergenti sensibilità, simboli stessi di quell’ansia intima di poter in qualche modo ritornare da lei: il mio sogno, l’approdo.
Questa malata quotidianità di paesaggi e di personaggi che giocano d’azzardo diviene a volte luogo dell’anima in cui un volto reale è inghiottito da un secolo, mentre la mia vita passa come una cometa. Lei che ha uno strano nome è soffio di sogno che si impiglia nelle reti lattiginose della mia memoria.
La cerco tra le immagini più care, sempre uguali e insieme sempre altre, a comporre la storia dei miei affetti, nello spazio vero della vita, tra le cose tangibili e grumose nel vorticare alto di sentimenti alla fine di ogni giorno.
Io un tempo m’ero perso in uno strano formicolio di gente opaca e antica che spesso si affaccia invadente e si rintana poi nel mio giorno, così si riempie la scena! Ma all’improvviso “ lei” che riportando le trasparenze fa svaporare gli inganni in un orizzonte distante, lontano da questo a cui certe notti mi affaccio.
E ogni giorno così ritaglio in quei minuscoli margini un po’ di terra per rimanere quietamente in esilio!
Lei è presente in ogni guscio di quel mio universo invisibile, lì dove impaziente brulica la vita di vecchie ferite e pene, giorni avviliti in cui a volte mi perdo.
Enumero gli eventi, ne patisco l’urto, l’insensato disinteressamento, l’addio celato, l’invisibile informe che si invera e si lascia irretire nel brogliaccio ingombrante dei ricordi.
E’ come essere in bilico su un precipizio eterno!
A volte mi chiedo cosa ci stia a fare in questo angolo di esistenza, microcosmo immenso di deluse realtà e sogni mancati; un angolo di esistenza fatto di false certezze, membra, fisicità animalesche, cose meschine, ruvide.
Per contro l’amore, il pensiero di lei, la sospensione incantata, l’angoscia distratta che se dovessi capire che la prossima notte lei potrebbe non esserci.
Ecco è questo il senso: la paura.
I miei pensieri si muovono come passi che moltiplicano gli intrecci, le luci lineari di ogni alba o tramonto che hanno parole sferiche che scivolano nel congruo finire di un dettato che sembra parlare d’altro!
Ormai ogni dettaglio è dentro la sua scia di presenze che vanno via, evocate forse da un colore, o da un ricordo; è un’ossessione verbale giornaliera, molecola di un qualcosa che sfugge: La Vita.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento