Firenze, rinnovato il protocollo tra Comune e Corpo forestale dello Stato

Alberi esclusivamente di specie autoctone. Adatti, soprattutto, all’ambito fiorentino ed alla sua biodiversità. Li fornirà gratuitamente al Comune la guardia forestale e serviranno a creare un nuovo bosco nell’area naturale protetta del Terzolle.

È una delle novità del protocollo d’intesa firmato, a Palazzo Vecchio, dall’assessore all’ambiente Alessia Bettini e dal generale Giuseppe Vadalà, comandante regionale del Corpo forestale dello Stato.

“Rinnoviamo l’intesa sottoscritta lo scorso anno – ha spiegato l’assessore Bettini – l’accordo ha prodotto risultati soddisfacenti in termini di attività di controllo ed ha consentito di garantire la sicurezza ambientale al Parco delle Cascine nonché di svolgere l’attività di divulgazione e sensibilizzazione sui temi ambientali dei cittadini”.

Tra i punti dell’intesa la formazione degli studenti (attraverso la realizzazione di esperienze in campo da realizzare nel parco e nella riserva di Vallombrosa), la vigilanza ambientale al Parco delle Cascine e l’educazione agroalimentare (nei mesi scorsi, ad esempio, il Cfs ha allestito un apposto banchetto informativo al Mercatale di piazza del Carmine).

“Novità fondamentale – ha aggiunto l’assessore all’ambiente – è l’aiuto che il Cfs ci darà per l’incremento della forestazione urbana. Sarà attuato un programma di fornitura di alberi esclusivamente di specie autoctone adatte all’ambito fiorentino ed alla sua biodiversità, prodotti dal Corpo forestale, che il Comune pianterà e georeferenzierà all’interno del proprio ‘sistema informativo territoriale’”.

“Circa un migliaio di piante – ha aggiunto – saranno destinate all’area naturale protetta del Terzolle. L’obiettivo più generale è quello di riportare la biodiversità in spazio urbano e periurbano. Nel piano strutturale sono previsti 40 ‘corridoi ecologici’ all’interno della città: le piante che ci verranno donate dal Cfs serviranno, appunto, a rafforzare la biodiversità e dare attuazione ai ‘corridoi ecologici”.

“Il Corpo forestale, inoltre – ha concluso l’assessore Bettini – implementerà la sorveglianza al Parco delle Cascine, con pattuglie a cavallo e in bici, e rafforzeremo questa funzione di presidio concedendo spazi dove potrà attrezzare le proprie scuderie e i propri uffici”.

Lascia un commento