Tricarico, Ulderico Pesce porta in scena la vita e l’opera di Rocco Scotellaro

Oggi alle 19, nell’Auditorium Comunale di Tricarico, Ulderico Pesce porta in scena la vita e l’opera di Rocco Scotellaro. In una nota di Pesce si legge “Devo moltissimo a Scotellaro, e lo ringrazio tanto, con questo lavoro abbiamo superato le 500 repliche, le sue parole e le sue azioni, hanno contribuito in maniera notevole a migliorare la mia vita e dei miei compagni da tutti i punti di vista. Tornare nel suo paese mi provoca grande emozione. In un momento di grandissima litigiosità politica mi piacerebbe che la sua vita servisse da esempio per moderare i toni e le pretese e per costruire intese che vadano verso il miglioramento reale della vita di tutti i lucani.”

Lo spettacolo dal titolo: “Il sindaco contadino” narra la vita di Rocco Scotellaro, le battaglie in difesa dei braccianti agricoli lucani la sua attività di Sindaco di Tricarico, dalla parte degli umili: l’apertura di undici scuole serali per contadini analfabeti; la costruzione della rete dell’acqua potabile nella Rabatana, il quartiere del paese fondato dagli arabi; la lotta per l’apertura dell’Ospedale Civile di Tricarico nel 1947 quando, l’ospedale più vicino, era a settantadue chilometri di distanza, a Matera, un lungo tragitto che la maggior parte della popolazione era costretta a fare con l’asino.

Lo spettacolo narra ancora dell’arresto di Scotellaro e della sua ingiusta detenzione nel carcere di Matera, durata quarantacinque giorni, che gli cambierà la vita.

Questo spettacolo prodotto dalla compagnia Centro Mediterraneo delle Arti, diretta da Pesce, è stato mostrato in tutte le regioni d’Italia ed ha partecipato a festival in Australia, Cile, Argentina, Uruguay, Brasile, Perù, Venezuela, Colombia, Svizzera e Francia.

9 su 10 da parte di 34 recensori Tricarico, Ulderico Pesce porta in scena la vita e l’opera di Rocco Scotellaro Tricarico, Ulderico Pesce porta in scena la vita e l’opera di Rocco Scotellaro ultima modifica: 2015-10-01T04:46:46+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento