Milano, oltre 3.5 milioni di passeggeri in 4 anni sui bus notturni

È lo straordinario bilancio del servizio di bus notturno, inaugurato il 24 settembre 2011. Viaggiare con i mezzi pubblici anche durante tutta la notte del venerdì e del sabato, e 7 giorni su 7 durante tutto il semestre Expo, è diventata un’abitudine per molti milanesi e city users che vivono la città senza limiti di tempo.

Dagli ultimi rilievi di Amat, è il sabato sera che si concentra il maggior numero di utenti, con oltre 11.500 persone che si spostano per la città a bordo dei bus di Atm.

All’avvio del servizio, nel 2011, i “passeggeri della notte” erano ogni giorno 4500. Si è quindi registrato un aumento di oltre il 155% nel numero di utenti, legato anche al potenziamento del servizio con il passaggio da 11 a 15 linee disponibili.

Grande affluenza anche durante la settimana in questo semestre di Expo, con la media di passeggeri di 6500 a notte. Le linee più utilizzate, dal lunedì alla domenica, sono la 90, la 91, la NM1, NM2 e la NM3.

Le linee che hanno percentualmente aumentato in maniera più significativa i passeggeri sono la N6 (Cadorna – Centrale), la N15 (Gratosoglio – San Babila), la N80 (De Angeli – Quinto Romano) e la N94 (Porta Volta – Cadorna), mentre le meno utilizzate sono la N24 (Duomo – Vigentino) e la N27 (San Babila -Viale Ungheria).

maran pisapia

“I dati dimostrano che il trasporto pubblico è il modo migliore per muoversi a Milano anche di notte – commenta l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran –. Continueremo a monitorare il servizio anche per capire come migliorare le affluenze sulle linee meno utilizzate. Ringrazio Atm, che sta garantendo un servizio eccellente anche in questo intenso semestre Expo, giorno e notte”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, oltre 3.5 milioni di passeggeri in 4 anni sui bus notturni Milano, oltre 3.5 milioni di passeggeri in 4 anni sui bus notturni ultima modifica: 2015-09-28T11:46:56+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento