Roma, in Campidoglio la giornata della Trasparenza

Si è tenuta oggi in Campidoglio, in Aula Giulio Cesare, la Giornata della Trasparenza, organizzata dall’Assessorato alla Legalità e Trasparenza, introdotta dal sindaco Ignazio Marino. Un incontro pubblico e aperto: sono stati invitati a partecipare tutti i cittadini, in aula o seguendo la diretta streaming qui sul nostro portale. “Tutti dobbiamo sentirci coinvolti nella battaglia contro l’illegalità, non basta delegare”, ha detto l’assessore alla Legalità e alla Trasparenza, Alfonso Sabella, annunciando la giornata; “conoscere è il primo passo per essere consapevoli dei diritti e dei doveri che comporta l’essere cittadini”.

Lo scorso 16 settembre, per l’apertura dell’anno scolastico, l’Assessorato ha dato vita insieme a 500 studenti romani alla Giornata della Legalità. Dopo la legalità, quindi, la sua pre-condizione (e il suo effetto) fondamentale: la trasparenza. Due i momenti in cui si è articolata la giornata: il mattino per presentare il piano anti-corruzione messo a punto da Roma Capitale, il pomeriggio per parlare di trasparenza e performance.

Molte le novità illustrate, in arrivo con il piano triennale anti-corruzione e con il programma triennale per la trasparenza: registro del rischio, catalogo dei processi, direttive in materia di appalti (che coinvolgono anche le ex municipalizzate), rotazione di personale dirigente e impiegatizio, piattaforma (qui nel portale del Campidoglio) per dar modo ai dipendenti capitolini di segnalare illeciti in forma anonima, controlli sul territorio con nuovi sistemi hi-tech, più responsabilità ai direttori apicali in materia di trasparenza, più verifiche dei risultati raggiunti… (vedi la nostra notizia di maggio, quando il piano è passato in Giunta).

Ferme ed esplicite le parole del Sindaco in apertura di giornata: “Dobbiamo, come cittadini e come istituzione, dare il nostro contributo alla formazione di una coscienza collettiva che risponda, solo ed esclusivamente, all’onestà e alla trasparenza. Noi stiamo facendo la nostra parte. Con l’approvazione del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e del Programma Triennale per la Trasparenza e l’Integrità abbiamo cominciato un nuovo cammino. Approvati dalla Giunta, rappresentano il nostro faro, il vademecum del buon amministratore. Puntano a ricostruire la corretta e imprescindibile mentalità richiesta a chi lavora nella Pubblica Amministrazione: guardare solo all’interesse collettivo, all’interesse di tutte le donne e gli uomini della nostra comunità. Senza guardare in faccia a nessuno”.

Presenti in Aula Giulio Cesare anche rappresentanti di associazioni di volontariato e dei consumatori. Dato l’alto valore professionale dei relatori, l’Ordine degli Avvocati ha riconosciuto al meeting la qualità di corso d’aggiornamento: la giornata è valsa otto crediti formativi per gli avvocati.

Lascia un commento