Montebelluna, impresa edile faceva lavorare operai in cassa integrazione

La ditta di Montebelluna era ammessa ai benefici per lo stato di crisi ma continuava ad utilizzare i lavoratori che percepivano la cosiddetta “cassa integrazione” e corrispondeva compensi “in nero” ad altri operai.

A scoprirlo la Guardia di Finanza di Treviso nel corso di una verifica fiscale che ha fatto emergere un articolato sistema evasivo, basato anche sull’illecito ricorso agli ammortizzatori sociali.

Lascia un commento