Sentinelle del decoro, la collaborazione dei cittadini per la pulizia della cittàllaborazione dei cittadini per la pulizia di Livorno

Sono attese entro il 30 settembre le adesioni all’iniziativa “Sentinelle del decoro”. Ogni cittadino (o gruppo di cittadini o classi/scuole) può comunicare al Comune di Livorno e ad Aamps l’interesse per una strada/piazza del territorio per la quale si candida ad “assumere” volontariamente l’incarico di presidiare periodicamente il suo stato di igiene e pulizia per la durata di 1 anno.

Chi otterrà l’incarico potrà avvalersi di un “canale privilegiato” di contatto con gli ispettori ambientali sostenendoli nell’attività di verifica costante delle condizioni del territorio comunale attraverso segnalazioni e suggerimenti e avviare gli opportuni interventi risolutivi. Tutte le segnalazioni saranno raccolte e pubblicate in una sezione dedicata del sito web di Aamps (aamps.livorno.it) che provvederà all’aggiornamento periodico.

Le “Sentinelle del decoro” dovranno attenersi a quanto indicato in un regolamento apposito e saranno preventivamente formate e stimolate a segnalare situazioni di degrado ambientale anche causate da ignoti o da soggetti individuati verso i quali gli organi di controllo provvederanno ad avviare le relative indagini e l’eventuale sanzionamento (con importi crescenti per i casi che saranno ritenuti “lievi” ma reiterati). Si anticipa che per alcune zone sono già pervenute molteplici richieste ma non vi saranno esclusioni alcune, bensì potenziamenti del presidio.

Per adesioni/informazioni: tel. 0586/416.288-364; whatsapp (366/62.00.878); info@aamps.livorno.it

9 su 10 da parte di 34 recensori Sentinelle del decoro, la collaborazione dei cittadini per la pulizia della cittàllaborazione dei cittadini per la pulizia di Livorno Sentinelle del decoro, la collaborazione dei cittadini per la pulizia della cittàllaborazione dei cittadini per la pulizia di Livorno ultima modifica: 2015-09-14T02:03:36+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento