Roma, Teatro da mangiare? apre la stagione 2015-2016 dell’Argentina

ariette attoriTra vita e pratica teatrale si muove questo lavoro del Teatro delle Ariette, il primo di una trilogia cui seguiranno Un rito in roulotte dedicato a Pier Paolo Pasolini (17/22 maggio all’India) e l’ultima creazione Sul tetto del mondo (24/29 maggio, sempre all’India).  Un’apertura di stagione insolita e forse provocatoria da parte del Teatro di Roma che omaggia, così, i 25 anni della compagnia il Teatro delle Ariette. Che porta in scena un’esperienza e una pratica quotidiana dove arte, vita e lavoro coincidono.

Gli attori sul palcoscenico preparano un vero pasto e invitano il pubblico a mangiare davvero i cibi che la compagnia coltiva nella sua azienda agricola, nel territorio della Valsamoggia a Bologna. E intanto, seduti a quel tavolo, raccontano la loro esperienza di vita/teatro in una sorta di confessione autobiografica, coinvolgendo ad ogni replica un pubblico diverso che interviene e modifica ogni volta il rito/spettacolo.

Repliche venerdì 11 (alle 20,30), sabato 12 e domenica 13 (alle 13 e alle 20,30).

Il Teatro delle Ariette si costituisce nel 1996 con sede nell’azienda agricola Le Ariette a Castello di Serravalle (BO). Nel 1997 crea e realizza a Castello di Serravalle il progetto A Teatro nelle Case che negli anni successivi si allarga ai Comuni di Bazzano e Monteveglio. Nel 2000 costruisce e inaugura, in mezzo ai campi dell’azienda agricola, il Deposito Attrezzi un edificio rurale per il teatro. Dal 2001 diventa compagnia teatrale professionista. Dal 2003 le attività dell’associazione sono riconosciute e sostenute dalla Regione Emilia Romagna e dalla provincia di Bologna. Dal 2010 conduce le attività del Laboratorio Permanente di Pratica Teatrale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, Teatro da mangiare? apre la stagione 2015-2016 dell’Argentina Roma, Teatro da mangiare? apre la stagione 2015-2016 dell’Argentina ultima modifica: 2015-09-10T04:08:52+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento