Livorno, al via i Campionati mondiali di dama inglese

Si sono aperti ufficialmente a palazzo comunale i Campionati di dama inglese per l’assegnazione del titolo di Campione del mondo. Nella sala cerimonie è stato dato il via alla competizione sportiva con il sorteggio di chi dovrà eseguire la prima mossa tra i due sfidanti: il livornese Michele Borghetti, campione del mondo in carica,  e il sudafricano Lubabalo Kondlo. Il primo a muovere la pedina sarà Lubabalo Kondlo per aver estratto la pedina nera che nella dama inglese è la prima a muovere. Il sorteggio è avvenuto alla presenza dell’arbitro statunitense Alan Millhone.

Alla cerimonia di apertura del Campionato (che si terrà a partire da oggi lunedì 31 agosto fino al 13 settembre all’Hotel La Vedetta di Montenero) hanno preso parte l’assessore Ina Dhimgjini,  il 1° segretario dell’Ambasciata del Sudafrica a Roma, dott.ssa Mpho Oliphant, il presidente della Federazione Italiana Dama, Renzo Tondo, e il presidente del Comitato Organizzatore Gianfranco Borghetti. Presenti inoltre i numerosi sponsor della manifestazione sportiva.

L’assessore Dhimgjini, dopo aver espresso il benvenuto agli ospiti ed al campione in carica, ha sottolineato come il Campionato rappresenti motivo di grande soddisfazione e di attesa. “ Non solo per una sfida tra grandi campioni – ha detto- ma perché rappresenta un’ottima occasione per far conoscere la città di Livorno al resto del mondo”.

Nel corso del match saranno disputate ben 40 partite (4 al giorno per 10 giorni di gioco), con inizio alle ore 9 del 31 agosto e, nel pomeriggio,  dalle ore 15; complessivamente circa 100 ore di gioco intervallate da 3 giorni di riposo ( il 3, il 7 e il 10 settembre).

Domenica 13 settembre (alle 11) è prevista la cerimonia di premiazione del Campione del Mondo all’Hotel La Vedetta.

9 su 10 da parte di 34 recensori Livorno, al via i Campionati mondiali di dama inglese Livorno, al via i Campionati mondiali di dama inglese ultima modifica: 2015-08-31T02:20:29+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento