Milano, vigili e custodi di Palazzo Marino salvano bimba tedesca persa in Galleria Vittorio Emanuele II

Una storia a lieto fine quella di una bambina tedesca di cinque anni che, nel primo pomeriggio si era persa in Galleria Vittorio Emanuele II ed è stata restituita alla madre grazie all’intervento degli agenti della Polizia Locale e dei custodi di Palazzo Marino.

Sono da poco passate le 15, quando una coppia di turisti di origine mediorientale si accorge di una bambina sola che piange disperata in Galleria Vittorio Emanuele, a pochi passi da piazza della Scala. La coppia avvisa i Vigili all’ingresso di Palazzo Marino, che prendono in custodia la piccola, informano immediatamente la Centrale della Polizia locale e danno avvio alle ricerche nell’area di piazza della Scala e della Galleria. A questo punto, per tranquillizzare la piccola, anche i custodi di Palazzo Marino danno una mano: la ospitano nella “casa dei milanesi”, le offrono un bicchiere d’acqua e cercano di parlare con lei per distrarla. Finalmente la bimba si sente rassicurata e smette di piangere.

Nel giro di pochi minuti gli agenti della Polizia locale individuano una signora con in braccio un bambino, che si aggira sgomenta in piazza Scala con l’aria di chi sta cercando con ansia qualcuno. A questo punto i Vigili, intuendo le ragioni dell’angoscia della donna, si avvicinano a lei e, dopo un breve scambio di parole, hanno la conferma che si tratta della madre. La signora e il fratellino della piccola vengono così accompagnati dagli agenti a Palazzo Marino. Qui, con grande gioia e sorpresa, si abbracciano tutti insieme per riprendere, fortunatamente, le proprie vacanze nella nostra città.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, vigili e custodi di Palazzo Marino salvano bimba tedesca persa in Galleria Vittorio Emanuele II Milano, vigili e custodi di Palazzo Marino salvano bimba tedesca persa in Galleria Vittorio Emanuele II ultima modifica: 2015-08-26T18:49:53+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento