Atene, Syriza si divide l’ala radicale fonda Leiki Anotita

Alexis Tsipras ha pagato a caro prezzo la mediazione con i creditori internazionali e l’Unione Europea. Quantomeno sul piano politico. Il leader greco ha provato ancora il rischia tutto. Impavido. Prima la carta del referendum per “prendere tempo” poi l’accordo e alla fine elezioni anticipate. Ha scelto di non navigare a vista e trasformare le urne in una sorta di nuovo referendum. Avrà ragione lui o l’ala radicale, solo le urne potranno dirlo.

Giuramento Tsipras

Intanto i dissidenti sono con le spalle al muro e devono organizzarsi in fretta per presentarsi alle imminenti elezioni. Il primo passo è il nuovo partito. Si chiamerà Unità popolare (Leiki Anotita), formato da almeno 25 cosiddetti “ribelli”. Il leader sarà l’ex ministro dell’energia Panagiotis Lafazanis.

9 su 10 da parte di 34 recensori Atene, Syriza si divide l’ala radicale fonda Leiki Anotita Atene, Syriza si divide l’ala radicale fonda Leiki Anotita ultima modifica: 2015-08-21T10:57:51+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento