Vicenza, pakistano per due volte ha tentato il suicidio

L’asiatico di 27 anni ha prima minacciato di lanciarsi dalla finestra e poi di tagliarsi la vene, ma nel secondo caso è stato soccorso e salvato da una pattuglia delle volanti.

Il pakistano, residente da alcuni anni a Vicenza, si trova ricoverato in condizioni serie all’ospedale San Bortolo, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Il ventenne, dopo aver litigato con la madre durante una telefonata intercontinentale, è uscito sul terrazzo minacciando di gettarsi nel vuoto dal quinto piano. Lo zio materno, che lo ospita nel suo appartamento in città, a fatica lo ha convinto a rientrare, ma nel frattempo ha chiesto l’intervento di Polizia e Suem 118. Una volta in casa il giovane ha però rotto una bottiglia e con un coccio di vetro si è tagliato le vene all’altezza del polso destro, per poi scappare dall’abitazione.

Sulle sue tracce si sono posti gli agenti, nel frattempo giunti sul posto, che, seguendo la scia di sangue sul marciapiede, l’hanno trovato riverso a terra, ormai privo di conoscenza, in via Torino. Soccorso dai sanitari e caricato sull’ambulanza è stato subito dirottato nel reparto di rianimazione, dove le sue condizioni sono in miglioramento.

Lascia un commento