Omicidio Seramondi, gli assassini sono i titolari di Dolce e Salato, incastrati dalla targa del motorino

I due asiatici arrestati per il duplice omicidio di martedì scorso a Brescia sono le persone alle quali Francesco Seramondi aveva ceduto la prima pizzeria da asporto “Dolce e Salato”, poi fallita qualche mese dopo il passaggio di quote. Le due attività erano nello stesso piazzale, una davanti all’altra. Proprio la rivalità sul mercato, oltre ad accordi economici non rispettati, rappresenterebbero il movente della morte dei coniugi Seramondi. Pare che gli assassini dovessero ancora del denaro alle vittime, ma non erano più in condizioni di pagare.

Tra Seramondi e i suoi killer i rapporti iniziarono ad incrinarsi nel 2010 quando un’ordinanza del Comune di Brescia obbligava la proprietà del Dolce e Salato a chiudere alle 22, per motivi di ordine pubblico, mentre la pizzeria da Frank poteva rimanere aperta tutta la notte.

Gli agenti della Squadra Mobile di Brescia hanno anche recuperato in un campo l’arma del delitto, un fucile a canne mozze come già era stato ipotizzato dagli inquirenti.

I killer hanno sparato ripresi dalla telecamera interna della pizzeria, prima di scappare a bordo di uno scooter di piccola cilindrata. Gli inquirenti sono arrivati agli assassini dalla targa del motorino ripresa, dopo l’omicidio, da alcune telecamere di sicurezza installate in strada. Anche lo scooter usato per il duplice omicidio è stato trovato e posto sotto sequestro.

9 su 10 da parte di 34 recensori Omicidio Seramondi, gli assassini sono i titolari di Dolce e Salato, incastrati dalla targa del motorino Omicidio Seramondi, gli assassini sono i titolari di Dolce e Salato, incastrati dalla targa del motorino ultima modifica: 2015-08-17T05:34:29+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento