Morgano, si è tolto la vita un manager di 39 anni

L’uomo era stato prima responsabile del settore commerciale per conto di una multinazionale estera, esperienza conclusa quando la filiale italiana aveva chiuso. Poi il lavoro di rappresentante per un’azienda italiana, che aveva perso sei mesi fa, quando, in seguito a un incidente stradale, gli era stato revocata la patente di guida. Una volta presentato ricorso alla Prefettura, l’aveva riavuta.

All’orizzonte c’era già una nuova occupazione. Ma ha vinto la depressione. I familiari non lo vedevano arrivare per pranzo, il fratello, al rientro dal lavoro, l’ha trovato ormai senza vita in casa, impiccato. Ai suoi cari ha lasciato un biglietto d’addio.

Un dolore immenso, per la famiglia, un dramma che ha colpito l’intera comunità di Morgano.

Lascia un commento