Livorno, effetto Venezia trentesima edizione

Effetto Venezia, grande festa d’estate promossa dal Comune di Livorno, che si svolgerà nel cuore antico della città, dal 29 luglio al 2 agosto (ingresso gratuito), compie trent’anni e si tinge di arcobaleno.

Per questa nuova edizione di Effetto Venezia – ha sottolineato infatti l’assessore al turismo e marketing territoriale Nicola Perullo nel corso della conferenza di presentazione dell’evento –abbiamo puntato principalmente a due fattori:  dare impulso alla labronicità della festa invitando artisti livornesi di fama che diano il senso del fermento culturale che caratterizza la città,  e dall’altro connotare la manifestazione con il tema dei diritti e la promozione delle differenze a tutti i livelli”.

Il tema di quest’anno sarà appunto “Livorno terra dei diritti”, con riferimento, non solo alle cinquecentesche leggi livornine che fecero di Livorno una comunità multietnica, multiculturale e accogliente, ma anche all’impegno che l’attuale Amministrazione comunale sta perseguendo per la difesa e i diritti delle minoranze, delle marginalità e dei più deboli da ogni punto di vista. Livorno è stata infatti una delle prime città d’Italia, alcuni mesi fa, a dare corso alla legittimità delle Unioni Civili ed è molto impegnata in progetti con il Tavolo Rainbow.

Quindi, nel ricco programma dell’edizione del trentennale vi saranno numerosi eventi legati al mondo “queer” e LGTB con spettacoli, presentazioni di libri e dibattiti. Dalla notte di  “Effetto Miami” (1 agosto in Fortezza Vecchia) con una delle drag queen più famose d’Italia, Regina Miami ed i suoi Miami Boys & Girls (dj Joao Turchi) al  recital musicale “ Alla Finestra” con Mauro  Coruzzi (Platinette) insieme a Grazia di Michele (29 luglio) sempre in Fortezza Vecchia sul palco dei diritti, fino all’incontro con Francesca Vecchioni ( 31 luglio, via dei Floridi) che presenterà il libro “ T’innamorerai senza pensare” sul tema delle famiglie omogenitoriali.

Ma questa  non è l’unica novità dellapiù importante, partecipata e popolare kermesse della città di Livorno (circa 150 mila passaggi lo scorso anno); festa che si snoda, tradizionalmente, nel quartiere storico più affascinante della città, la “Venezia”, nel “Pentagono del Buontalenti”, caratterizzato dai “fossi” (canali adibiti in passato alla navigazione e alla difesa della città) e dalle due grandi Fortezze medicee, la Vecchia e la Nuova.

Effetto Venezia sarà più breve rispetto agli anni passati, ma tutta nuova, nel vestito e nei contenuti, con un programma di eventi di assoluta qualità, tra Livorno e il mondo.

Abbiamo voluto – ha sottolineato ancora  l’assessore Perulloimprimere un cambiamento rispetto alle edizioni passate, cercando anche nuovi canali di promozione socializzati per diffondere l’immagine di Livorno; perché Livorno ha bisogno di contaminarsi e di farsi maggiormente conoscere”.

Da qui la presenza di artisti livornesi d’eccellenza per i concerti sul palco centrale in piazza del Luogo Pio (ore 22) – da Nada (2 agosto) a Bobo Rondelli ( 30 luglio), da Karima ( 29 luglio) a Roberto Luti dei Playing for Change ( 31 luglio) e ai Gary Baldi Bros ( 1 agosto) –  dall’altro un evento internazionale, unica tappa italiana:  “Architects  of Air “ (www.architects-of-air.com)  con il monumentale gonfiabile, il Luminarium Miracoco , montato sul prato della Fortezza Nuova (dal 30 luglio al 2 agosto) , all’interno del quale si svolgeranno giochi di luce, di musica, performances.

Inoltre, da segnalare due concerti classici di eccellenza. Il primo: il ritorno a Effetto Venezia, dopo 30 anni, di Modo Antiquo diretto dal livornese Federico Maria Sardelli, il più importante interprete vivaldiano al mondo. Il musicista  presenterà  nella suggestiva cornice di Palazzo Huigens ( 30 luglio, ore 21.30) un repertorio del giovane Vivaldi con alcune prime mondiali (nonché un pezzo di un allievo livornese di Vivaldi, Stefano Carbonelli).

Il secondo concerto  da segnalare è  Favole in Musica (2 agosto, ore 21.30, via dei Floridi); si tratta di un concerto per pianoforte dedicato a favole per bambini del pianista livornese Gabriele Baldocci, allievo di Marta Argerich, accompagnato dalla voce recitante di Amanda Sandrelli.

E ancora, tanta musica con Effetto Live (la rassegna dei gruppi musicali livornesi emergenti, ogni sera sul palco di Forte San Pietro Concerti per Donare in Santa Caterina (30 e 31 luglio e 1 agosto) e la Banda Città di Livorno in via Carraia.

Sul tema dei diritti verterà anche la programmazione del Tavolo Cinema, che vede numerose associazioni culturali impegnate ogni sera nella proiezione di film a sfondo sociale. I film saranno proiettati in luoghi diversi (nelle due Fortezze, al Teatro Vertigo, al Cinema 4 Mori e al Centro Donna) con l’intento di diffondere il linguaggio cinematografico in tutta la festa. Suggestivamente, ogni sera,  “Cento Anni di Cinema” anche sulla facciata deiDomenicani (Scali del Rifugio) con installazioni cinematografiche di pellicole rivolte al tema della tolleranza e della convivenza.

Di questo ha parlato in sede di conferenza l’assessore alla cultura Serafino Fasulo che ha ricordato inoltre le numerose mostre fotografiche in corso in città e che saranno visitabili anche nelle serate di Effetto Venezia: in Fortezza VecchiaPercezioni di un obiettivo”;  “Di Terra e di Mare” in Fortezza Nuova e all’Emeroteca di via del Toro, la mostra “Bruno Miniati, lo sguardo di un fotografo su Livorno” . La mostra sarà accompagnata da visite teatrali guidate alla scoperta dei segreti della Biblioteca.

Per quanto riguarda l’area mercatale della festa, non mancheranno stand e mercati per le vie del quartiere con esposizione  e vendita del miglior artigianato locale: operatori dell’ingegno, il cerca trova in fiera  e il mercato di scambio (Scali Finocchietti e Scali del Corso). “ Anche per l’area mercatale – ha spiegato l’assessore al commercioPaola Baldariabbiamo voluto imprimere un segnale di rinnovamento lasciando spazio più alle attività artigianali che non a quelle commerciali”.

Alla Bottega del Caffè (viale Caprera) mostre e presentazioni di libri. Ogni sera si potrà “rileggere” la  storia di Livorno attraverso i modellini di Luciano Sanguinetti e magiare “alla livornese” come nei vecchi e tradizionali vinai.

In tema di eno-gastronomia, degustazioni di birre artigianali in piazza del Luogo Pio, e degustazioni di vino in Fortezza Vecchia.

Effetto Venezia si svolgerà dalle ore 19.00 con chiusure differenziate ( mercoledì 29 luglio fino alle 24; il 30 e 31 luglio fino alle 1:00; sabato 1 agosto fino alle ore 2.00 in quanto coincide con la Notte Bianca; domenica 2 agosto fino alle 24).

Per la prima volta è stato organizzato anche un servizio di bus navetta per chi vorrà lasciare le auto ai parcheggi di scambio.

Effetto Venezia 2015 é promosso dal Comune di Livorno con il sostegno e la collaborazione di Regione Toscana, Teatro Goldoni, Monte dei Paschi di Siena, CIR Food, Mukki, Toremar, Fondazione Livorno, Port Authority Livorno, Porto di Livorno 2000, Benetti, OLT Offshore LNG Toscana e BancaCras.

9 su 10 da parte di 34 recensori Livorno, effetto Venezia trentesima edizione Livorno, effetto Venezia trentesima edizione ultima modifica: 2015-07-26T03:18:02+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento