Torino, Iom Sandu al volante ubriaco investe due pedoni morto Emilio Costa

L’altra persona investita è ricoverata in ospedale in gravi condizioni. Il romeno di 36 anni è risultato positivo all’alcoltest. Alla guida di una Bmw ha poi tentato di fuggire, ma una pattuglia dei Carabinieri lo ha fermato. E’ stato arrestato per omicidio colposo e fuga. La vittima si chiamava Emilio Costa, 61 anni.

Nel sangue dell’arrestato c’erano oltre due grammi di alcol per litro, pari a più di quattro volte il limite di legge. La Bmw 320 che guidava è stata sequestrata e riportava inequivocabilmente i segni dell’urto.

Emilio Costa è stato portato all’ospedale Cto, dove i medici hanno tentato un disperato intervento per salvarlo, ma inutilmente. L’altro pedone investito, una donna, è stata ricoverata all’ospedale Giovanni Bosco.

“Chiedo scusa, ma non ero ubriaco e non è stata colpa mia. Non è colpa mia, ho perso il controllo dell’auto che è slittata sui binari del tram e per evitare una vettura che era davanti a me e che aveva a bordo tre bambini, ho svoltato a sinistra e sono andato a finire sul marciapiede”. Così si giustifica Iom Sandu, il romeno che domenica sera ha investito e ucciso Emilio Costa, e che ora si trova agli arresti domiciliari. “Chiedo scusa, ma ormai non si può più tornare indietro. Sono disposto a risarcire e a pagare tutte le conseguenze”.

Sandu sostiene inoltre di non essere stato al volante ubriaco. “Dopo l’incidente sono fuggito in un bar e ho bevuto una o due birre. Per questa ragione sono risultato positivo all’etilometro e l’ho detto agli agenti prima che effettuassero il test”.

Lascia un commento