Sequestrati in Libia, freedom for Gino, Salvo, Filippo e Fausto

I nostri connazionali rapiti sono dipendenti della società di costruzioni Bonatti. Da ambienti della ditta si è appreso che nessuno di loro è residente in provincia di Parma, dove ha sede l’azienda. Il silenzio sull’identità è stato concordato con la Farnesina per tutelare i quattro sequestrati.

Nel pomeriggio su Facebook è apparsa la foto di uno striscione con la scritta: “Freedom for Gino, Salvo, Filippo e Fausto”. Il cartello sarebbe stato esposto nel compound di Wafa, il centro della Libia dove opera la Bonatti.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin