L’escursionista veneziano Alessandro Covatta ha perso la vita in Alto Adige

L’uomo di 49 anni, con una compagnia di 15 alpinisti, aveva effettuato l’ascensione del Monte Paterno. L’incidente si è verificato durante la discesa verso il rifugio Locatelli, a quota 2.700 metri circa, appena un centinaio di metri sotto la vetta.

Nelle vicinanze della forcella dei camosci, in un punto in cui non era assicurato al cavo d’acciaio, è prima caduto per 30 metri giù dalla parete ed è poi scivolato per 100 metri su un ghiaione ripido. Quando i soccorritori sono intervenuti sul posto l’uomo era già morto. Il corpo è stato recuperato con il verricello dal Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Prato alla Drava e dal Brd di Sesto, calati sul posto dall’elisoccorso Pelikan 2 di Bolzano.

Lascia un commento