Servizio civile di Roma Capitale, 18 anni di buone pratiche. Progetti e prospettive

Con 50 volontari che hanno terminato il servizio il 2 giugno, 71 giovani attualmente impegnati in attività di volontariato e 106 che inizieranno a fine 2015, il Servizio Civile di Roma Capitale si riconferma un’esperienza di valore per i ragazzi e le ragazze che partecipano e per la stessa amministrazione. I giovani che lo scelgono, sin dalla sua istituzione, sono impegnati in attività sociali come l’assistenza agli anziani e ai disabili, in attività culturali presso le biblioteche e i musei civici e nel settore della tutela ambientale.

Nato nel 1997 da una convenzione firmata dall’allora sindaco Rutelli con il Ministero della Difesa come sostitutivo del servizio militare, è con una legge del 2001 che diventa servizio volontario esteso anche alle ragazze, sempre mantenendo il valore di difesa della patria senza armi (art.52 della Costituzione). Oggi sono in prevalenza le ragazze a scegliere questa esperienza, con una percentuale del 60-70%. In totale sono 4000 i giovani che dal 1997 ad oggi hanno prestato servizio civile al Comune di Roma, prima, e a Roma Capitale, poi: un valore aggiunto per la qualità dei servizi erogati ai cittadini.

Ogni anno l’amministrazione capitolina mette a bando un certo numero di progetti di attività a servizio della comunità e riceve oltre mille domande di partecipazione. Il bando 2015 è articolato in 23 progetti, dalla promozione della lettura per bambini e anziani alla formazione tecnica e tecnologica, dal censimento dei luoghi di culto esistenti a Roma alle attività divulgative rivolte ai degenti delle strutture ospedaliere, alle attività di cura del verde dei parchi e giardini cittadini, al rilancio delle biblioteche scolastiche.

Il Servizio Civile è destinato ad uno sviluppo sia a livello regionale (è in itinere una legge di istituzione del servizio civile regionale da affiancare a quello nazionale), sia a livello nazionale, con l’impegno del Governo ad investire risorse economiche e a proporre l’istituzione del servizio civile europeo.

Lascia un commento