Egna, operazione contro lo sfruttamento della prostituzione nei centri massaggi cinesi

Il blitz è stato condotto dai Carabinieri della Compagnia di Egna, in Alto Adige. Sono state complessivamente eseguite tre ordinanze di custodia cautelare. ​Sequestrati due Centri Massaggi, uno in provincia di Trento e uno in provincia di Bolzano. Sequestrati 10 mila euro in contanti, frutto delle attività illecite.

La complessa ed articolata attività investigativa dei Carabinieri ha consentito di sgominare un vero e proprio sodalizio criminale, composto da due uomini e una donna di nazionalità cinese, che operavano grazie all’appoggio di una serie di altre persone: fra queste una donna cinese ed un uomo italiano, un bolzanino, nei cui confronti è stato disposto l’obbligo di dimora nel comune di residenza. L’operazione ha posto fine alle illecite attività di questa associazione che ormai da mesi agiva con disinvoltura sul mercato della prostituzione locale.

I clienti erano per lo più abituali ed i prezzi praticati si aggiravano intorno ai 100 euro per prestazione.

Lascia un commento