Firenze, Findomestic dona nuove attrezzature per agevolare il lavoro degli Angeli del Bello

Al via la collaborazione tra Findomestic e la Fondazione degli Angeli del bello. La consegna della donazione ha avuto luogo presso la sede di via Jacopo da Diacceto a Firenze. All’evento ha partecipato anche l’assessore all’ambiente Alessia Bettini.

Le risorse saranno impiegate per l’acquisto di un generatore, attrezzature varie utili al lavoro dei 1800 volontari, e di una nuova idropulitrice. Questi strumenti, particolarmente utili nella pulizia di asfalto, cemento o piazzali massellati, consentiranno ai volontari di rimuovere più facilmente e con meno fatica anche lo sporco più ostinato.

“Voglio ringraziare la Fondazione e Findomestic – ha detto l’assessore Bettini – che con queste nuove risorse contribuiranno a costruire una nuova sensibilità verso la nostra città”.

“Siamo lieti di ricevere questo significativo aiuto che ci permetterà di migliorare ed accrescere il nostro lavoro ed impegno sul territorio – ha commentato il presidente della Fondazione degli Angeli del bello, Giorgio Moretti – un’altra importante realtà a Firenze decide di affiancare la Fondazione per l’amore del decoro ed il rispetto del bene comune. Ci auguriamo che l’esempio di oggi possa essere di ispirazione e seguito per altre realtà presenti sul nostro territorio, perché la nostra città è un bene di tutti, simbolo del radicamento che la Fondazione ha nella nostra città”.

“Abbiamo aderito con slancio a questa iniziativa che si colloca nella scia di una serie di azioni che Findomestic porta avanti da anni sui temi del rispetto ambientale e della responsabilità sociale – ha sottolineato Chiaffredo Salomone, amministratore delegato di Findomestic – siamo convinti che la responsabilità sociale di un’azienda possa passare anche attraverso iniziative di questo genere che, a nostro avviso, contribuiscono concretamente a indirizzare lo stile di vita di ciascuno di noi verso un futuro più responsabile e sostenibile”.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento