Su quanto avvenuto in Calabria non si possono girare le spalle dall’altra parte. Lo afferma Peppino Vallone (presidente Pd Calabria)

sindaco peppino valloneIl caso Calabria (Rimborsopoli) ha aperto una grossa ferita nel Pd che difficilmente si rimarginerà nel breve periodo. Troppi politici del Partito di Matteo Renzi coinvolti nell’inchiesta e tutti amministratori di lungo corso.

In questi casi sarebbe stato giusto, stando ai pareri dei cittadini e dei militanti del Pd, che arrivasse un grosso segnale politico da parte del Governatore Mario Oliverio dimettendosi. Questo non è avvenuto e si cerca di tornare alla normalità nominando una Giunta completamente nuova. Questa probabile decisione del Presidente Oliverio non cancellerà il danno arrecato alla Calabria con il caso Rimborsopoli. L’Italia non è immune da questi avvenimenti, in Calabria quest’evento assume proporzioni elevate in considerazione dell’enorme disoccupazione: si sperpera denaro pubblico dei contribuenti e non si possono pagare gli ammortizzatori sociali ai 29.000 unità esistenti nella Regione. Però del caso Calabria tutti i politici del Pd ne parlano e suggeriscono incontri e riunioni per discutere del caso. L’ultima nota arriva dal Sindaco di Crotone e presidente del Pd Calabria, Peppino Vallone, che a proposito di Rimborsopoli ha dichiarato:

“Di fronte a quanto sta avvenendo alla Regione Calabria il Partito Democratico ha il dovere di riunirsi urgentemente e discutere con oggettività sul da farsi.

Non si può ragionare con la tecnica del “girare le spalle dall’altra parte”.

Mi rifiuto di farlo e credo che sia il partito nella sua interezza che deve prenderne atto assumendosi la responsabilità politica di quanto avvenuto.

“Rimborsopoli”, come l’hanno battezzata i giornali, era un’inchiesta nota da tempo con la quale il Partito deve fare i conti con trasparenza e responsabilità nella consapevolezza che spendere anche un solo euro per finalità non proprie del proprio incarico istituzionale è un atto innanzitutto moralmente condannabile prima che giudiziariamente.

La gente ci chiede risposte. Rispondere significa parlare di idee e di uomini.

Nel Partito Democratico ci sono dirigenti politici in grado di rappresentare ed interpretare quella idea di cambiamento che tutti i calabresi auspicano.

Ci sono donne ed uomini che ancora reputano che dignità ed onestà siano valori e non optional. Dalla ormai accertata crisi economica, alla quale si aggiunge con gravità quella morale, si esce solo con personalità di spiccate doti morali, intellettuali e con la giusta esperienza adeguata alla necessità ed all’urgenza del momento.

Il Partito deve riporre il bilancino ed i manuali Cencelli e stringersi al presidente Oliverio assumendosi la responsabilità che, sono certo, le donne e gli uomini del PD sono ancora capaci di dimostrare.

Parlare di uomini e di idee. Idee per rilanciare la Calabria, per affrontare i suoi atavici problemi ai quali si è aggiunto come un macigno un danno all’immagine enorme per l’inchiesta “Erga Omnes”

Mettere in campo idee per la Sanità, per l’Ambiente (acqua e rifiuti), per i Trasporti, per le Infrastrutture, per il Lavoro, per lo Sviluppo.

I temi non mancano. Non può mancare il senso di responsabilità.

Siamo ancora in tempo. Non possiamo consentire che ne passi altro per pronunciare un disastroso “troppo tardi””.

9 su 10 da parte di 34 recensori Su quanto avvenuto in Calabria non si possono girare le spalle dall’altra parte. Lo afferma Peppino Vallone (presidente Pd Calabria) Su quanto avvenuto in Calabria non si possono girare le spalle dall’altra parte. Lo afferma Peppino Vallone (presidente Pd Calabria) ultima modifica: 2015-06-29T21:16:08+00:00 da Giuseppe Livadoti
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento