Toscana all’avanguardia, nanomateriali per conservare i beni culturali

nanomaterialiHanno vinto solo in due ed entrambi fanno capo alla Toscana: nell’ambito del programma Horizon 2020 della Commissione Europea, all’interno di una call sull’uso di nanomateriali per la conservazione dell’arte moderna e contemporanea, i due progetti toscani risultati vincitori hanno ottenuto circa 14 milioni di euro.

Il primo dei progetti vincitori (5 milioni di finanziamento ottenuto) si intitola “Nano-Cathedral” ed è stato presentato da INSTM: il consorzio interuniversitario nazionale per la scienza e la tecnologia dei materiali, con sede a Firenze. Il secondo (circa 9 milioni di finanziamenti ottenuti) è intitolato “Nano-Rest-Art” e lo ha presentato CSGI (consorzio per lo sviluppo dei sistemi a grande interfase) con sede all’Università di Firenze. Entrambi i progetti coinvolgono organismi di ricerca e istituzioni museali.

9 su 10 da parte di 34 recensori Toscana all’avanguardia, nanomateriali per conservare i beni culturali Toscana all’avanguardia, nanomateriali per conservare i beni culturali ultima modifica: 2015-06-03T11:07:27+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento