Olbia, diciottenne per mesi violentata e segregata dal padre e dallo zio

La terribile storia di degrado ha visto come vittima una giovane donna poco più che maggiorenne che è stata liberata grazie all’intervento degli agenti del commissariato di Olbia. I poliziotti si sono attivati a seguito della richiesta di aiuto lanciata dalla vittima stessa.

La ragazza si trova in una “casa protetta” mentre i due aguzzini, un sassarese di 44 anni e un nuorese di 52 anni, sono stati arrestati.

Lascia un commento