Pisa, sequestrato arsenale con oltre 200 armi antiche e moderne

In data odierna, in esito ad attività investigativa iniziata all’interno della base militare di camp darby, personale del nucleo operativo della compagnia cc setaf di stanza presso l’installazione militare di camp darby, unitamente, a personale della stazione cc Tirrenia (pi) e della stazione cc Terricciola (pi) del comando provinciale di Pisa, hanno deferito, in stato di libertà, alla procura della Repubblica di Pisa, le sottonotate persone:
• g. l., residente lajatico (pi), classe 1922, responsabile reati p. e p.: artt. 38 e 55 t.u.l.p.s. (testo unico leggi pubblica sicurezza); artt. 18 e 20 legge 18 aprile 1975 nr. 110 (norme integrative disciplina vigente controllo armi, munizioni ed esplosivi) e art. 697 c.p. (detenzione abusiva di armi);
• c. p., residente Pisa, classe 1956, responsabile reati p. e p.: art. 55 t.u.l.p.s. (testo unico leggi pubblica sicurezza); art. 16 legge 18 aprile 1975 nr. 110 (norme integrative disciplina vigente controllo armi, munizioni ed esplosivi);
I suddetti, in assenza di titolo autorizzativo, detenevano, custodivano, cedevano e trasferivano vario materiale armamento tra cui:
•nr. 17 fucili da caccia, efficienti;
•nr. 102 fucili da collezione, efficienti;
•nr. 51 pistole da collezione, efficienti;
•nr. 5 pistole, efficienti;
•nr. 41 armi bianche,  efficienti;
•nr. 8 baionette, efficienti;
•nr. 1 lancia arpione, efficiente;
•nr. 3 pistole lancia razzi, di varia tipologia, efficienti;
Il materiale di armamento e’ stato sottoposto a sequestro dal personale della compagnia carabinieri setaf.
L’operazione costituisce occasione per ricordare ai detentori di armi e munizioni le norme di legge vigenti in materia di acquisto, trasporto, detenzione, porto e custodia.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pisa, sequestrato arsenale con oltre 200 armi antiche e moderne Pisa, sequestrato arsenale con oltre 200 armi antiche e moderne ultima modifica: 2015-05-30T18:12:20+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento