Affreschi rubati nel 1957 a Pompei, trovati in possesso di un magnate americano

Si tratta di tre splendidi affreschi del I secolo a.C. razziati nel 1957 dai locali della Soprintendenza di Pompei. Secondo quanto si apprende, erano parte della collezione privata di un magnate americano deceduto e dovevano andare all’asta.

I tre affreschi raffigurano una giovane donna con amorino sulla spalla, una figura maschile e una figura femminile con “oinochoe”. Nel 1957 erano stati rubati dall’ufficio Scavi della Soprintendenza Archeologica di Pompei insieme con altri tre affreschi poi recuperati dai Carabinieri dei beni culturali, nel corso degli anni, in Europa e negli Stati Uniti.

Si tratta di un affresco con un pavone, ritrovato in Svizzera, di un ritratto di Dioniso che era finito in Gran Bretagna e infine di una Ministra sacrificante recuperata negli Usa.

9 su 10 da parte di 34 recensori Affreschi rubati nel 1957 a Pompei, trovati in possesso di un magnate americano Affreschi rubati nel 1957 a Pompei, trovati in possesso di un magnate americano ultima modifica: 2015-05-26T10:25:05+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento