Pescara, Giandomenico Orlando ucciso davanti alla sua pasticceria, si cerca Raffaele Grieco

Il pasticcere di 67 anni, Giandomenico Orlando, è stato accoltellato davanti alla sua attività ed è morto poco dopo in ospedale. L’omicidio è avvenuto a Pescara davanti all’ingresso dei laboratori della conosciuta pasticceria.

La Polizia sta dando la caccia al presunto aggressore, Raffaele Grieco, di 40 anni. Il commerciante è stato colpito al culmine di una lite. Tra i due vecchie ruggini condominiali, anni di screzi, con diverse denunce.

Raffaele Grieco per l’ennesima volta avrebbe affrontato la vittima per problemi relativi alla gestione del locale, rumori e vivibilità. Giandomenico Orlando è arrivato all’ospedale già in arresto cardiaco. Una prima ricognizione ha rivelato due coltellate di cui una forse letale all’arteria succlavia.

Raffaele Grieco è fuggito in auto, con una Mini scura dal tettuccio chiaro. La caccia al presunto omicida procede con decine di agenti e volanti. L’omicida sarebbe un amante delle armi, un assiduo frequentatore di palestre, e avrebbe collezionato diverse denunce per lesioni. In passato ha svolto anche l’attività di buttafuori nei locali notturni.

Lascia un commento