Milano, Castello Sforzesco la Sala delle Asse riapre al pubblico

Riapre al pubblico, nel percorso del Museo d’Arte Antica al Castello Sforzesco, la leonardesca Sala delle Asse, che apparirà ai visitatori nella sua nuova veste multimediale per raccontare la sua storia, il ruolo di Leonardo da Vinci e il restauro in corso.
“Avevamo due strade davanti a noi – ha dichiarato oggi l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno –. Durante il semestre di ExpoinCittà potevamo tenere chiusa la Sala per proseguire i lavori di restauro che hanno portato allo straordinario ritrovamento di nuove tracce della mano di Leonardo da Vinci durante i mesi scorsi; oppure potevamo tenerla aperta condividendo con il pubblico il cantiere, seppure ridimensionato, e le sorprendenti scoperte fatte finora. Abbiamo scelto di aprirla alla città con un allestimento multimediale affascinante e coinvolgente”.
La Sala delle Asse, nella quale Leonardo lavorò durante il dominio degli Sforza, si trova nel percorso del Museo d’Arte Antica del Castello, e sarà visitabile tutti i giorni da martedì a sabato, dalle ore 9 alle 19,30 (giovedì fino alle ore 22,30). Non è necessaria la prenotazione. Biglietto d’ingresso ai Musei del Castello: intero 5 euro, ridotto 3,50 euro.
L’intervento di restauro attualmente in corso in Sale delle Asse, cominciato nell’ottobre 2013, circa un anno e mezzo fa, è eseguito dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, sotto la direzione del MIBACT (Soprintendenze milanesi e Direzione Regionale), con la consulenza di un comitato scientifico presieduto da Claudio Salsi, Direttore della Soprintendenza Castello, e composto da eminenti personalità del mondo culturale italiano e internazionale. Il progetto è sostenuto da A2A, main sponsor, e da Arcus.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, Castello Sforzesco la Sala delle Asse riapre al pubblico Milano, Castello Sforzesco la Sala delle Asse riapre al pubblico ultima modifica: 2015-04-27T20:30:18+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento