Genova, il noto pediatra Francesco Menetto si è suicidato dal Ponte Monumentale

Il professionista di 65 anni ha lasciato nell’auto un biglietto con scritto: “la magistratura miope a volte uccide”. Francesco Menetto è un noto pediatra il cui figlio, Marco Menetto Ballario, farmacista (socio della Farmacia San Giacomo di via Bixio 9, una delle più note di Carignano) è attualmente agli arresti perché coinvolto in un’inchiesta su un traffico di farmaci.

Il corpo del pediatra è stato trovato in via XX Settembre, ormai privo di vita. Nell’auto, con la quale il cinquantenne ha raggiunto il ponte monumentale, c’era anche la moglie dell’uomo e madre del giovane farmacista agli arresti.

Sembra che anche la donna avesse il proposito di farla finita, ma sono arrivati i poliziotti della questura e l’hanno bloccata prima che compisse il tragico gesto.

“Ormai dicono tutti così. Non c’è altro da commentare”. E’ la dichiarazione del Procuratore Capo della Repubblica di Monza Corrado Carnevali, che non ha nascosto lo sconforto e il dispiacere per il suicidio del pediatra genovese il cui figlio farmacista è stato arrestato.

L’indagine “PharmaConnection” era partita dal lavoro degli investigatori di Monza. Aveva portato all’arresto di 19 persone (6 in carcere e 13 agli arresti domiciliari), al sequestro di beni mobili, immobili, titoli e conti correnti per circa 23 milioni di euro e a un ingente sequestro di medicinali. A Genova ha toccato, oltre i due farmacisti (Marco Menetto Ballario e la moglie Valentina Drago, 34 anni) anche 3 ex dipendenti di un’azienda farmaceutica (estranea alla vicenda). Le accuse contestate alle persone coinvolte vanno dall’associazione per delinquere finalizzata al furto, ricettazione e riciclaggio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Genova, il noto pediatra Francesco Menetto si è suicidato dal Ponte Monumentale Genova, il noto pediatra Francesco Menetto si è suicidato dal Ponte Monumentale ultima modifica: 2015-04-27T16:04:13+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento