Fino al 30 aprile Milo (CT) capitale del Friscalettu siciliano

Carmelo Salemi 1[1]Milo sarà la capitale del Friscalettu siciliano grazie al workshop ideato dal Comune e che avrà come protagonista Carmelo Salemi, clarinettista, polistrumentista e tra i più brillanti esecutori di questo allegro strumento.

La manifestazione, in programma fino a giovedì 30 aprile, è un progetto multifunzionale e interattivo – con momenti di studio, laboratorio, lezioni e spettacolo – realizzato con il sostegno dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana tramite la Soprintendenza di Catania e curato dalle associazioni culturali Darshan e da Areasud.

Accanto alle lezioni gratuite – per partecipare basta iscriversi telefonando al Comune di Milo 095-955.423 – per chi vuole imparare a costruirsi da solo e a suonare il friscalettu, ci saranno un seminario di approfondimento, una mostra di antichi strumenti popolari e il concerto finale con il maestro Salemi.

“Abbiamo voluto – spiega il sindaco di Milo Giuseppe Messina – dar vita a questa manifestazione per riscoprire, come comunità, il senso delle tradizioni siciliane. Un patrimonio di saperi da recuperare, condividere e trasmettere ai nostri giovani come valore per il futuro”.

​Oggi pomeriggio, alle ore 17 la manifestazione prenderà dunque il via con l’inaugurazione della mostra e con il seminario di studi. Ospiti del sindaco Messina, insieme al maestro Salemi, saranno Maurizio Cuzzocrea (curatore della mostra) e Giuseppe Severini (costruttore di strumenti tradizionali).

Da martedì 28 aprile, invece, e fino al 30, il nuovo Museo Virtuale del Vino e della Musica (via Etnea, accanto al Municipio di Milo) si trasformerà in un laboratorio sonoro dove costruire il friscalettu e imparare a suonarlo.

​ A chiusura del corso, giovedì 30 aprile, in programma alle 20.00 il concerto “Folk Revolution” del maestro Salemi al quale potranno partecipare anche gli allievi del corso di Milo.

Lucio Di Mauro

Giornalista - Presentatore Conduttore TV - Critico Teatrale e Cinematografico - Iscritto Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani

Lascia un commento