La Cia di Taranto piange la scomparsa di Franco Catapano

La Cia Confederazione Italiana Agricoltori di Taranto piange affranta la scomparsa prematura di Franco Catapano, già responsabile della sede Cia di Castellaneta, fino al maggio scorso direttore regionale della organizzazione e, da qualche mese, responsabile del settore organizzazione e sviluppo della Cia nazionale.

Franco Catapano ci ha lasciato nella notte scorsa dopo aver combattuto con straordinario coraggio e determinazione contro un male incurabile.

Importante il suo impegno prima a livello territoriale e poi a livello regionale dove, negli ultimi anni, aveva assunto incarichi dirigenziali di rilievo e di vertice fino a diventare direttore regionale nel 2010; incarico che ha ricoperto fino al maggio scorso quando, proprio per le sue brillanti capacità e per la sua professionalità, era stato chiamato a dirigere uno dei più importanti settori della confederazione a livello nazionale.

Amato e stimato da tutti, non solo dagli appartenenti al mondo Cia ma anche dai rappresentanti delle altre organizzazioni, proprio per le sue doti umane e professionali fuori dal comune, lascia un ricordo indelebile in chi lo ha conosciuto e in chi ha lavorato e collaborato con lui in questi anni.

Franco Catapano lascia la moglie e tre giovanissimi figli, ai quali in questo momento va l’abbraccio e la vicinanza di tutta la Cia di Taranto.

Il presidente provinciale Francesco Passeri e il direttore provinciale Vito Rubino, a nome di tutta la Cia di Taranto, esprimono le più sentite condoglianze alla famiglia Catapano.

I funerali avranno luogo oggi 25 Aprile alle ore 15.30 nella Chiesa di Santa Croce a Laterza (Taranto); i famigliari invitano ad effettuare eventuali donazioni in favore dell’associazione Ant di Laterza preferendoli ai fiori.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Cia di Taranto piange la scomparsa di Franco Catapano La Cia di Taranto piange la scomparsa di Franco Catapano ultima modifica: 2015-04-25T11:33:54+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento