Possagno, omicidio di Aldo Gualtieri arrestati Manuel Palazzo e Lucia Lo Gatto

In manette sono finiti l’uomo di 27 anni e la donna di 41 entrambi residenti a Romano d’Ezzelino. Sono stati arrestati dai Carabinieri per l’assassinio di Aldo Gualtieri, 40 anni, convivente d Lucia Lo Gatto, il cui corpo, carbonizzato, è stato trovato a Possagno in provincia di Treviso. I fermati sono una coppia di amanti che avrebbe ucciso il compagno di lei. Il movente, secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti, sarebbe da ricondurre a ragioni passionali.

I due, secondo quanto si è appreso in ambienti vicini agli inquirenti, erano insieme nella casa di lei quando, nella notte, sono arrivati i Carabinieri. L’uomo è stato portato nel carcere di Treviso, la donna in quello di Venezia. Ai militari che li stavano ammanettando non hanno detto nulla.

A mettere i militari sulle tracce della coppia un episodio avvenuto domenica scorsa. Proprio una coppia a bordo di un’automobile era rimasta in panne nel luogo del ritrovamento del cadavere, nascosto sotto un cumulo di pietre. I due avrebbero chiesto aiuto al titolare di un’autofficina della zona per far ripartire la vettura. L’uomo ha riferito agli investigatori di aver notato il fumo uscire dall’ammasso di pietre ma di aver pensato che si trattasse di una grigliata improvvisata.

Il corpo della vittima si trova all’ospedale di Treviso, a disposizione dei consulenti che saranno nominati dal sostituto procuratore della Repubblica Maria Giovanna de Donà. I Carabinieri hanno posto sotto sequestro l’appartamento a Romano d’Ezzelino dove abitavano i due conviventi e l’auto, una Golf, che sarebbe stata usata per trasportare il corpo di Gualtieri a Possagno. L’autopsia sarà effettuata la prossima settimana.

9 su 10 da parte di 34 recensori Possagno, omicidio di Aldo Gualtieri arrestati Manuel Palazzo e Lucia Lo Gatto Possagno, omicidio di Aldo Gualtieri arrestati Manuel Palazzo e Lucia Lo Gatto ultima modifica: 2015-04-24T16:09:26+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento