Asm, protocolli e intese per ridurre i tempi di attesa

L’Asm, insieme all’ordine dei medici e ai medici di base, sta mettendo a punto una serie di protocolli ed intese che hanno come obiettivo di ridurre progressivamente i tempi di attesa, specie per gli esami di radiologia e cardiologia, i più gettonati.

Tra le misure, illustrate a Policoro nel corso di un incontro della Asm e dell’Ordine dei Medici con i medici di famiglia dell’area distrettuale di Montalbano Jonico, figurano:

– l’incremento delle prestazioni ospedaliere e diagnostiche grazie ad interventi organizzativi avviati dalla Asm per rendere più efficiente l’offerta sanitaria delle strutture ospedaliere e territoriali;

– la indicazione, a chiusura di ciascun referto, della data del successivo controllo cui dovrà sottoporsi il paziente. Data non anticipabile se non per motivi clinici concreti;

– l’inserimento dei centri accreditati muniti di contratto nelle agende Cup. Al fine di abbassare i tempi di attesa, gli utenti potranno fare una tac o una risonanza presso un centro privato o uno pubblico, in pratica nel primo dove vi è un posto libero.

L’obiettivo è ridurre i tempi di attesa di una visita cardiologia o radiologica programmata entro i 90 giorni, mentre già oggi per le urgenze di categoria B i giorni che precedono la prestazione non superano mai i 10. Per visite ed esami urgenti un cittadino lucano trova sempre una struttura in regione in grado di fornire la prestazione entro 10 giorni.

Lo rende noto l’Asm.

9 su 10 da parte di 34 recensori Asm, protocolli e intese per ridurre i tempi di attesa Asm, protocolli e intese per ridurre i tempi di attesa ultima modifica: 2015-04-21T03:06:36+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento