Fratelli musulmani, confermata la condanna a morte della Guida suprema Mohamed Badie

Il Tribunale del Cairo, dopo il parere del Gran Muftì, ha confermato la condanna a morte di 14 dirigenti dei Fratelli musulmani fra cui la Guida suprema Mohamed Badie in un processo per l’organizzazione di disordini avvenuti nel 2013. La sentenza è appellabile in Cassazione, secondo e ultimo grado di giudizio dell’ordinamento egiziano. La condanna era stata inflitta il 16 marzo scorso dalla Corte d’assise di Giza e passata al vaglio segreto e non-vincolante del Gran Muftì, la massima autorità religiosa egiziana.

Il processo, uno degli oltre 30 cui è sottoposto Badie, è noto come quello della “Sala operativa di Rabaa” allestita per coordinare la reazione alla deposizione del presidente Mohamed Morsi.

A Badie, condannato già a tre ergastoli, era stata inflitta una condanna a morte commutata in carcere a vita per disordini scoppiati alla moschea di Istiqama.

9 su 10 da parte di 34 recensori Fratelli musulmani, confermata la condanna a morte della Guida suprema Mohamed Badie Fratelli musulmani, confermata la condanna a morte della Guida suprema Mohamed Badie ultima modifica: 2015-04-11T15:14:40+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento