La Regione siciliana è in default

“Un’amministrazione che non può chiudere il bilancio in pareggio è tecnicamente in stato di dissesto finanziario”. A denunciarlo gli esponenti del centrodestra all’Ars, Nello Musumeci (Lista Musumeci), e Marco Falcone, capogruppo di Forza Italia, Alfio Papale, Vincenzo Figuccia e Francesco Cascio (Ncd). I parlamentari hanno chiesto una corsia preferenziale per l’approvazione del bilancio e della finanziaria in Aula, prima dell’esame del disegno di legge sui liberi consorzi di Comuni. Si tratta di una “provocazione”, perché il Governo Crocetta non ha finora presentato il bilancio all’Ars.

L’esercizio provvisorio scadrà il 30 aprile, e non sarà rinnovabile. Se per quella data non sarà stato approvato il bilancio, la spesa dell’amministrazione regionale resterà congelata. Su questo ritardo il centrodestra ha chiesto una seduta d’Aula che i deputati hanno denominato “operazione trasparenza” nel corso della quale il presidente della Regione dovrebbe riferire sullo stato reale dei conti e sull’andamento della trattativa condotta con Roma.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Regione siciliana è in default La Regione siciliana è in default ultima modifica: 2015-04-08T07:12:54+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento