Trascrizioni nozze gay celebrate all’estero, annullamento solo dal tribunale civile

La decisione è stata presa dal Tar del Lazio che ha accolto il ricorso di alcune coppie contro la cancellazione dell’atto, disposta dal Prefetto. Si trattava di unioni contratte in un Paese straniero e trascritte nel registro delle Unioni civili del Comune di Roma.

I giudici sottolineano che attualmente “non è consentito celebrare matrimoni tra persone dello stesso sesso”. Ciò significa, di conseguenza, che tali tipologie di matrimoni “non sono trascrivibili nei Registri di stato civile”.

Il Tribunale amministrativo del Lazio ha precisato che “l’annullamento di trascrizioni di matrimoni di questo genere celebrati all’estero, può essere disposto solo dall’Autorità giudiziaria ordinaria”. Il Ministero dell’Interno e le Prefetture, quindi, “non hanno il potere di intervenire direttamente, annullando le trascrizioni”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Trascrizioni nozze gay celebrate all’estero, annullamento solo dal tribunale civile Trascrizioni nozze gay celebrate all’estero, annullamento solo dal tribunale civile ultima modifica: 2015-03-09T18:02:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento